Resistance Burning Skies

Game Info

GAME NAME: Resistance Burning Skies

DEVELOPER(S): Nihilistic Software

PUBLISHER(S): Sony Computer Entertainment

PLATFORM(S): PS VITA

GENRE(S): FPS

RELEASE DATE(S): Europa: 25 Maggio

Senza dubbio PS VITA è una console con grandi potenzialità.

Fino ad oggi la line up non ha utilizzato al massimo le sue caratteristiche ma è innegabile che molti titoli di alta qualità siano approdati sulla portatile che è riuscita a soddisfare gli acquirenti.

Una delle grandi caratteristiche che l’hanno contraddistinta fra le console portatili è la presenza del doppio analogico che la rende così ottima per ogni genere di gioco.

Fino ad oggi però nessun Fist Person Shooter era arrivato su VITA, ed è per questo che eravamo frementi all’idea di mettere le mani sul nuovo capitolo della serie Insomniac, Resistance Burning Skies.

Il titolo è infatti il primo FPS ad approdare sulla portatile ed è quindi un’ottimo banco di prova per testare il genere, che sulle portatili non ha mai avito modo di rendere al massimo a causa delle limitazioni dei comandi che li rendevano davvero difficili da gestire.

Dopo aver testa a fondo il gioco quindi ecco che ci accingiamo a darvi il nostro parere sullo shooter, che crediamo, nel bene e nel male, abbia portato qualcosa di nuovo nel mercato portatile.

Agosto 1951: Le chimere hanno ormai conquistato l’Europa e manca poco all’arrivo dell’invasione anche nei territori statunitensi. Per contenere i danni dell’insorgere del panico le alte sfere anno deciso di censurare media e quant’altro lasciandoci senza notizie.

Per fortuna alcuni gruppi di dubbiosi hanno deciso di prepararsi al peggio ed hanno incominciato ad accumulare armamenti ed elaborare strategie difensive.

In questo scenario noi vestiremo i panni di Tom Riley, un vigile del fuoco che si ritroverà durante un’intervento in una casa in fiamme, catapultato in un conflitto dove, da una parte dovrà scontrarsi con le Chimere e dall’altra ritrovare la propria famiglia.

Il plot non è certo uno dei punti di forza del titolo mostrandosi abbastanza banale ma dal canto suo vanta di mantenere i giocatori attaccati alla console per un buon numero di ore grazie ad una longevità discreta, specie per un titolo portable.

Quello che però ci interessa maggiormente è ovviamente il gameplay che sfrutta al massimo i due analogici, grandi assenti nei passati FPS portatili.

Resistance Burning Skies torna con tutto quello che abbiamo amato ed apprezzato dei capitoli usciti su PS3, ma qualcosa va a minare il tutto.

Si tratta del level design che qui si mostra davvero asettico.

Il problema di fondo è l’eccessiva linearità della struttura dei livelli che nella maggior parte dei casi si mostrano come semplici corridoi invasi da chimere che non prevedono fasi esplorative ne possibilità di elaborare una qualsivoglia tattica per lo scontro.

A minare ulteriormente il gameplay vi è poi l’IA dei nemici che si mostra davvero arretrata e non saprà fare altro che stare ferma, o avanzare, senza elaborare strategie o quant’altro, mostrandosi troppo semplice nelle meccaniche.

Per fortuna non tutto il titolo soffre di questo difetto, ed alcune parti non mancheranno di divertire ed impegnare, ma purtroppo nel complesso tenderemo a riscontrare ben più di una volta questo problema di IA.

Da premiare in modo molto positivo invece è l’arsenale offerto dal titolo. Seppur non spiccando esageratamente per numero, le armi che troveremo saranno davvero varie e divertenti da utilizzare come ricordavamo dai capitoli home console.

Inoltre i comandi rispondono adeguatamente ed anche quelli touch si mostrano validi.

A concludere il tutto vi è il comparto multiplayer.

Come ogni FPS di questa generazione anche questo nuovo capitolo di Resistance offre un comparto dedicato allo scontro con i nostri amici online.

Questo si mostra di buona fattura, anche se l’offerta ludica non è certo una delle più profonde mai viste. Le modalità fra cui potremo scegliere purtroppo sono solo tre: Deathmatch, Deathmatch a Squadre e Sopravvivenza, sempre fino ad un massimo di otto giocatori.

A rendere però valido il multiplayer ci pensa l’ottimo netcode, un matchmaking veloce e l’assenza di lag che non richiederà lunghi tempi di attesa per essere scaraventati in partita.

Inoltre le, seppur banali, modalità riescono ad offrire un buon divertimento; soprattutto Sopravvivenza si mostra molto valida grazie alla sua struttura in cui una volta morti da essere umano torneremo in partita come chimere per eliminare i rimanenti sopravvissuti.

Una vera delusione è invece il comparto tecnico. Sarà perchè l’ultimo shooter giocato su PS VITA è stato Uncharted Golden Abyss, e questo ha portato i nostri standard qualitativi a livelli molto alti, ma la qualità grafica non sfrutta certo al massimo le potenzialità della console.

Sia gli scenari che i nemici mostrano un livello di dettaglio abbastanza scarsino e non riescono a rendere al meglio tutto l’orrore espresso dalle chimere. Alcuni scorci, gli effetti ed i boss riescono comunque a portare il titolo nella media, lasciandoci però con dei dubbi legati alle scelte intraprese dagli sviluppatori.

Pessimo invece il comparto sonoro.

Le musiche, senza dubbio di alto livello, tendono ad interrompersi ed a non ripartire, lasciando spesso dei momenti di silenzio assoluto che lasciano alquanto spaesati. Anche il rumore delle armi si mostra poco convincente e non enfatizza a dovere l’azione.

A salvare il comparto sonoro compare però l’ottimo doppiaggio che almeno in parte pareggia le lacune nate dalla musica e degli effetti.

Resistance Burning Skies è un gioco riuscito a metà.

Una discreta longevità ed un buon gameplay vengono sacrificati da una realizzazione tecnica nella media con alcune lacune qua e là, motivo per il quale il titolo non spiccherà certo fra i migliori per la portatile.

Senza dubbio i fan del titolo ne apprezzeranno le buone qualità e gli amanti degli sparatutto avranno un buon esponente del genere da giocare in Bus, ma purtroppo il tutto non verrà ricordato negli annali della storia dei videogames.

6.7 Overall Score
Grafica: 6/10
Gameplay: 7/10
Longevità: 7/10

Un buon FPS portatile !

Realizzazione troppo frettolosa ...


Author: Tia & Leo Vedi tutti gli articoli di Tia & Leo
"Tante vite e poi... si muore."

Lascia un Commento