Ghost Recon Future Soldier

Game Info

GAME NAME: Ghost Recon Future Soldier

DEVELOPER(S): Ubisoft

PUBLISHER(S): Ubisoft

PLATFORM(S): PS3 / XBOX 360 / PC

GENRE(S): TPS

RELEASE DATE(S): Europa: 24 Maggio

Negli anni la serie Ghost Recon ha perso smalto ed è andata sempre più calando fino a ritrovarsi in bilico sul pozzo oscuro del dimenticatoio.

Ubisoft però a deciso di non mollare il colpo e in queste ore ha rilasciato Ghost Recon Future Soldier, nuovo esponente della serie che mira e far tornare in voga la serie.

Col tempo però gli standard dei titoli bellici si sono fissati su Call of Duty e Battlefield imponendo ai giocatori un gameplay stadardizzato che è diventato praticamente l’unico disponibile nel genere.

Con Future Soldier, Ubisoft cerca di resuscitare la serie e proporre un gameplay che non si limiterà all’esagerato scontro a fuoco in mappe simili ad arene, ma cercherà di dare qualcosa di più al giocatore.

Andiamo quindi a vedere assieme se la casa francese è riuscita a risollevare dalla polvere la serie o se si è limitata a proporre un semplice passatempo che verrà presto dimenticato.

La storia offerta da Future Soldier è, come sempre, frutto della sapiente penna di Tom Clancy, ovvero una garanzia per quanto riguarda guerra e spionaggio nel campo letterario.

La storia si apre in Nicaragua dove la nostra squadra di Ghost si accinge a fermare un convoglio sospetto. Una volta preso possesso del camion però le cose sfuggono di mano e si scopre che questi è una bomba pronta alla detonazione.

L’esplosione purtroppo però non ci lascerà incolumi e ci farà scomparire dai radar; ecco quindi che una nuova squadra viene ingaggiata per l’incarico e così ci ritroveremo catapultati nei panni del soldato Kozak per affrontare vari conflitti di scala globale.

La storia non spicca certo per un livello di narrazione di grande spessore, proponendo come sempre alcuni cliché delle storie militari e belliche, senza mostrarsi davvero da ricordare.

Tuttavia il gioco, anche grazie alla grande varietà di situazioni, tiene il giocatore incollato allo schermo e riesce quantomeno a non stancare fino al suo completamento.

Il vero punto focale della produzione è da a ricercarsi nel gameplay shooter, stealth e strategico che darà grandi soddisfazioni a tutti i giocatori.

Prima di ogni missione con un briefing preparativo sceglieremo il nostro equipaggiamento, potremo accedere alle sfide ed al GunSmith, una delle grandi novità introdotte nel titolo.

Questa particolare opzione, disponibile sia per il single player sia per il multiplayer, ci darà la possibilità di creare la nostra arma ideale partendo da una base, per poi modificarne ogni aspetto, passando ad esempio dalla canna al calcio.

Una volta creata la nostra bocca da fuoco ideale poi potremo testarla nel poligono per andare ad aggiungere o cambiare tutto ciò che non ci convince.

Senza dubbio il GunSmith è uno degli editor di armi più profondi mai visti e ci ha piacevolmente colpiti per la sua esagerata versatilità, e per il suo vastissimo numero di opzioni.

Per quanto riguarda invece il gameplay, sul campo di battaglia la prima cosa che si può notare è l’abbandono delle impostazioni legate alla gestione della squadra, offrendo ora la possibilità di muoversi anche totalmente in solitaria.

Sarà infatti l’IA a gestire i nostri compagni, e qui andiamo subito a dare una lode al titolo che offre compagni svegli ed aggressivi che si muovono sul campo con una logica ed una strategia che ci farà davvero sentire parte del gruppo.

Rimane comunque la possibilità di gestire al meglio le mosse del team grazie anche ad alcuni accessori, come droni volanti, con cui potremo segnare i bersagli per poi eseguire un’azione simultanea che porterà all’abbattimento di tutti i bersagli.

Avvalerci delle camo per renderci invisibili si è dimostrato utile ed il team si è fatto valere sempre nel migliore dei modi senza farsi scoprire mandando in vacca la missione. :)

Il gioco offrirà approcci differenti a seconda delle situazioni e, oltre allo stealth che ci permetterà di freddare molteplici bersagli senza farci scoprire, saranno presenti anche intensi scontri a fuoco che faranno la gioia dei fan degli sparatutto.

Da premiare in questo caso vi sono due fattori: il sistema di coperture che si mostra solido e senza troppe sbavature; in secondo luogo l’ottima intelligenza artificiale nemica che sarà sempre agguerrita e tattica costringendoci ad elaborare alcune basilari strategie prima di ingaggiare un attacco diretto.

Come ogni titolo che si rispetti al giorno d’oggi non può poi certo mancare una profonda modalità multiplayer, sia cooperativa sia competitiva.

Per quanto riguarda la coop questa sarà sfruttabile sia nella campagna principale, che potremo affrontare con un massimo di altri 3 amici, sia nella modalità guerrilla, ovvero la classica orde.

Per quanto riguarda la campagna pensiamo che giocarla con i propri amici sia davvero la sua massima espressione grazie al livello di collaborazione richiesto che richiederà fra i compagni tanta comunicazione e strategia.

La modalità Guerrilla si impone in modo più classico ed abbandonando kill simultanee e quant’altro ci porrà contro cinquanta ondate nemiche di difficoltà crescente.

Per quanto riguarda la componente competitiva del titolo ci troviamo difronte a cinque modalità suddivise a squadre o tutti contro tutti, che offrono un’ottimo stacco dalla parte coop, che però per noi resta senza alcun dubbio la più divertente.

Graficamente il titolo si attesta su ottimi livelli e non manca di stupire grazie agli effetti che fra fumo ed esplosioni ci fanno sentire davvero in un campo di battaglia.

Un po’ più scarso il character design che propone personaggi si ben curati, ma abbastanza anonimi che non rimarranno certo impressi per il loro grande carisma.

Anche dal punto di vista sonoro il titolo piace. Belle musiche, doppiaggio in italiano di buon livello ed effetti davvero realistici che, assieme alla grafica, aiutano davvero tanto ad immergersi nel campo di battaglia.

Tirando le somme Ghost Recon Future Soldier ci è piaciuto parecchio.

Lo confessiamo in partenza eravamo abbastanza perplessi, ma dopo averlo giocato a fondo possiamo dire che il titolo è solido e riesce a guadagnarsi un posto di diritto fra i migliori Third Person Shooter di questa generazione.

Promosso !

8 Overall Score
Grafica: 8/10
Gameplay: 8/10
Longevità: 8/10

Tattico e profondo ... !

Alcune imperfezioni qua e là ...


Author: Tia & Leo Vedi tutti gli articoli di Tia & Leo
"Tante vite e poi... si muore."

Lascia un Commento