Darksiders II

Game Info

GAME NAME: Darksiders II

DEVELOPER(S): Vigil Games

PUBLISHER(S): THQ

PLATFORM(S): PS3 / XBOX 360 / PC / Wii U

GENRE(S): Action Adventure

RELEASE DATE(S): Europa: 24 Agosto

Il mese scorso avevamo avuto modo di testare una piccola demo di Darksiders II all’evento Koch Media, che si è svolto a Milano, che ci aveva lasciato abbastanza spiazzati.

La versione che avevamo provato del titolo mostrava tante buone idee ma alcune lacune tecniche per cui speravamo si trattasse di una demo creata ad inizio sviluppo.

In questi giorni è arrivata finalmente l’edizione completa del titolo sviluppato da Vigil Games e così siamo riusciti a giocarlo a fondo.

Eccovi quindi il nostro parere sull’ultima fatica distribuita da THQ che mira ad essere uno dei migliori action game di questa generazione.

Ci sarà riuscito?

AFFETTO FRATERNO

Darksiders II, come tutti voi ben sapete, ci mette nei panni di Morte, secondo Cavaliere dell’Apocalisse che i ragazzi di Vigil Games hanno deciso di utilizzare per il seguito del titolo con protagonista Guerra.

La storia si muoverà in parallelo rispetto a quella del primo titolo e mentre in Darksiders vedevamo Guerra incolpato ingiustamente di aver scatenato l’apocalisse, qui troveremo Morte che cercherà un modo per redimere le presunte colpe del fratello.

Per farlo, al cavaliere senza bocca (lol), non resta altro modo se non partire alla ricerca dell’Albero della Vita, che teoricamente dovrebbe essere in grado di far rifiorire il mondo umano e ristabilirne l’equilibrio.

Ovviamente il viaggio non sarà semplice e si svilupperà in modi abbastanza interessanti ma non così ben narrati da favorire un buon ritmo alla trama che incomincerà ad essere presente in forma profonda solo dopo una buona fetta di ore.

In ogni caso non si può certo dire che il lavoro svolto sia di basso livello, anche se si nota come non sia stata la trama il punto focale dello sviluppo del titolo.

NIENTE BOCCA… MA QUANTE SKILL !!!

Una delle evoluzioni più grandi fra il primo e il secondo capitolo è senza dubbio il gameplay. Le meccaniche di base sono rimaste le medesime, quello che troviamo è un classico action adventure platform, ma tante sono state le migliorie e le aggiunte fatte dagli sviluppatori.

Prima di tutto il battle system, già di ottima fattura nel precedente capitolo, è stato reso molto più dinamico e veloce e si baserà principalmente su lunghe combo di colpi intervallate da schivate e mosse evasive.

Il gioco infatti non prevede atteggiamenti difensivi, ma bensì ci invita ad esibirci in una danza di colpi basandosi su un sistema di combo che non sarà subito facile da imparare ma che saprà dare grandi soddisfazioni a chi deciderà di studiarlo a fondo.

Questa grande profondità viene data anche dall’immensa varietà di armi presenti che spaziano da leggere a pesanti ed offrono una buona scelta, anche se alcune volte ci troveremo costretti a scegliere semplicemente la più potente.

Altra parte fondamentale implementata in maniera massiccia nel gioco è la componente ruolistica. Ogni arma ed armatura droppata dai nemici o trovata nei molteplici dungeon, avrà una propria categoria ed una propria rarità e ci permetterà non solo di potenziarci ma anche di formare set completi che ci daranno ulteriori bonus.

Insieme a questo anche il nostro cavaliere avrà modo di expare e salire di livello e questo ci darà la possibilità di potenziare le nostre caratteristiche, energia e mana, e di sbloccare punti con cui aumentare le nostre skill, che potremo poi usare in combattimento.

Sposato con l’ottimo battle system, questo aspetto del titolo ci ha colpito positivamente perchè ha mostrato una profondità che onestamente non ci saremmo mai aspettati da un action game, ed in più è realizzato con una cura davvero maniacale.

Il titolo però non è ovviamente tutto qui, ed all’ottimo sistema di levellaggio e di combattimento offre anche una splendidamente realizzata, componente esplorativa.

Ampliando anche qui in maniera titanica quello che di buono avevamo visto nel primo capitolo, Darksiders 2 ci butta in ambienti vasti ed articolati che spaziano dal campo sconfinato da affrontare in sella al nostro destriero, al dungeon oscuro basato sulle meccaniche platform.

Mentre l’ambiente più aperto sfrutta meccaniche esplorative abbastanza basilari, è nei dungeon che troviamo la massima espressione del level design del gioco.

Prendendo la sua agilità dal Principe di Persia, Morte si esibirà in scalate, salti e corse sul muro attraverso cunicoli e piattaforme in un susseguirsi di stanze sempre molto ispirate.

Inoltre ad alternare il tutto troviamo tanti enigmi ambientali di difficoltà crescente, che richiederanno lo sfruttamento dei nostri atrofizzati neuroni per essere completati. Dobbiamo ammettere che pur non mostrandosi frustanti alcuni hanno richiesto parecchio tempo.

A concludere il tutto poi vi è l’ottima longevità che richiederà tante ore per la sola campagna principale, che aumenteranno esponenzialmente se vi dedicherete ad una esplorazione approfondita, e necessaria per trovare gli oggetti migliori, delle vaste aree di gioco.

LO STILE DELLA MORTE

Tecnicamente il titolo è davvero spettacolare. Il primo punto che salta all’occhio è ovviamente il character design creato dal talentuoso Joe Madureira che con uno stile fumettoso e grottesco rende ogni personaggio unico. Anche gli scenari non sono da meno e mentre i mondi aperti possono non essere perfetti in tutti i dettagli, i dungeon sono tutti molto ispirati e non mancano di colpire per il loro stile e la loro complessità.

A stridere un po’ troviamo giusto qualche rallentamento qua e la ed il comparto animazioni che seppur essendo di buona fattura alle volte vede un Morte un po’ legnoso, ma questo è solo un piccolo neo che non intacca più di tanto la produzione.

Anche dal punto di vista prettamente sonoro il gioco non delude e mostra una colonna sonora adeguata che seppur non spicchi in maniera esagerata enfatizza bene le varie situazioni, ed un doppiaggio di buona fattura con voci adeguate e adatte.

IN CONCLUSIONE …

Per riassumere brevemente quindi possiamo dire che Darksiders II è un titolo completo e profondo che riesce a plasmare assieme tante componenti differenti in un’unico prodotto rendendolo un action adventure a tutto tondo.

Il titolo non delude e rispetta le grandi aspettative che ha creato a tutti i fan che si ritroveranno fra le mani uno dei titoli che più verrà ricordato del 2012.

Promosso !

darksiders_ii_cover
9 Overall Score
Grafica: 9/10
Gameplay: 9/10
Longevità: 9/10

Profondo, divertente ed appagante !!

Potrebbe scontentare chi cerca un'action game semplice ...


Author: Tia & Leo Vedi tutti gli articoli di Tia & Leo
"Tante vite e poi... si muore."

Lascia un Commento